La Daytona 200 di Wayne Rainey, Freddie Spencer, Scott Russell o Troy Bayliss era la gara di moto più prestigiosa degli Stati Uniti. Da anni si corre con le medie cilindrate, invece che con la Superbike, riducendo il fascino della competizione. Questa scelta è da imputare sicuramente alla sicurezza, perchè sul velocissimo “banking”, ovvero le tre curve sopraelevate da 340 km/h, le gomme non resistevano più. Senza le moto più veloci e i campioni celebrati, il mito si era un pò offuscato. Ma l’80° edizione ha riportato la Daytona 200 sotto i riflettori. La Ducati che partiva in pole per poi rimanere senza benzina e soprattutto il finale mozzafiato hanno scatenato nuovi entusiasmi.

Pirelli sbanca a casa di Dunlop

La Supersport 2022 in America sarà monogomma Dunlop ma Daytona fa storia a se. L'organizzazione ha infatti stabilito che la 200 miglia si sarebbe svolta in regime di concorrenza. La Pirelli, già vittoriosa nelle due precedenti edizioni, non si è fatta pregare e ha raccolto la sfida, anche passando sopra a qualche ostacolo. “Avevamo preparato nuove soluzioni molto aggressive, ma poche settimane prima del via gli organizzatori ci hanno comunicato che avremmo dovuto omologare gli pneumatici e renderli disponibili per tutti coloro che li avessero voluti” racconta Giorgio Barbier, da tre decenni guida il settore racing moto di Pirelli. “Non abbiamo potuto fare test, ma in un certo senso ci hanno invitato a nozze: gareggiare con le stesse gomme che chiunque può montare è da sempre la nostra filosofia, esattamente quello che volevamo”.

La fiducia dei team più piccoli

Lo scoglio più grande era convincere squadre che per tutto l’anno dovranno lavorare con Dunlop a “tradire” in occasione della competizione più prestigiosa. “La Ducati ha preferito correre con Dunlop e abbiamo compreso perfettamente la loro scelta” continua Barbier. “Ma è stato stupefacente osservare quante squadra, in realtà, ci hanno dato comunque fiducia. E’ vero che venivamo da due vittorie, ma stavolta la posta in gioco era assai più alta”. Chi ha scelto Pirelli ha pescato l’asso: la marca italiana ha monopolizzato il podio con la Triumph di Brandon Paatch davanti alle Yamaha di Cameron Petersen e Sheridan Morais: appena 57 millesimi il divario fra primo e terzo. Sei dei primi otto piloti al traguardo montavano le gomme italiane.

L'azzardo che paga di Brandon Paasch

La chiave della vittoria Triumph è stata la scelta di non cambiare le gomme al secondo e ultimo pit stop. Brandon Paasch ha compiuto ben 32 giri (su 57 in programma) con lo stesso set di pneumatici dando così scacco matto agli avversari. Con questo set ha firmato il giro più veloce in gara in 1’49″959 quando le sue Pirelli avevano già 23 giri. Com’è stato possibile? “In tanti anni abbiamo maturato una vastità di esperienze” ricorda Barbier. “Daytona dal punto di vista delle gomme è ancora più probante di Phillip Island: abbiamo allestito una posteriore bimescola, con la fascia centrale estremamente resistente per far fronte alle sollecitazioni meccaniche e di temperature che si incontrano sul banking. Ma c’è un problema aggiuntivo: il triovale ha un’asfalto con pochissimo grip, quindi serve lavorare anche in questa direzione. Una sfida difficile. Ma che abbiamo vinto…”

Superbike a Daytona: è proprio impossibile?

Dopo una 200 miglia così appassionanti, la domanda sorge spontanea: con le gomme di oggi, correre con la Superbike sull’ovale è proprio impossibile? “A nostro giudizio sarebbe possibilissimo” confida Giorgio Barbier. “Abbiamo materiali ed esperienze tali che pensiamo che una sfida del genere sarebbe alla nostra portata”. Daytona non starebbe a meraviglia nel calendario del Mondiale? “Certo che si, ma ho forti dubbi che per una serie di motivi Dorna possa rendere realizzabile un sogno di questo genere. Per noi gli Usa sono un mercato importantissimo: stiamo chiedendo con insistenza al promoter di trovare una sede. Laguna Seca, Indianapolis o Austin ci va bene tutto, l’importante è tornare”. Il fascino di Daytona è irresistibile: immaginatevi di vedere Toprak-Rea-Bautista fianco a fianco sul banking…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trinacria Motors è il punto di riferimento sia per chi vuole avvicinarsi al mondo delle due ruote che per chi è già un motociclista veterano ed è partner delle più grandi aziende del settore sia a livello italiano che internazionale.

Trinacria Motors

Via Licata 11 92021 Aragona (AG)

Copyright © 2019. Trinacria Motors Soc. Sport. Dil. a.r.l. all Rights Reserved.

P.IVA 02828000840

social media