Il turco della Yamaha precede sul traguardo Rea, che si consola con pole e record della pista. Per Aegerter ottavo successo nel WorldSSP.

LE SUPERPOLE IN BREVE

WorldSBK (asfalto: 34° C / aria: 19° C)

Dopo quella realizzata ad Estoril, arriva la seconda pole di stagione per Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK). Il sei volte Campione del Mondo la ottiene con il tempo di 1’26.080 migliorando di oltre mezzo secondo il record della pista che dal 2017 apparteneva al suo ex compagna di squadra Tom Sykes (1’26.641). Tutti i piloti al posteriore hanno utilizzato la soluzione SCQ, che il nordirlandese ha abbinato all’anteriore SC1 di sviluppo A0674. Il compagno di squadra, Alex Lowes, ha ottenuto il secondo miglior tempo, utilizzando però la SC1 di gamma all’anteriore. Completa la prima fila il Campione del Mondo in carica Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK), anche lui con SC1 di gamma anteriore. Quarto posto per Scott Redding (BMW Motorrad WorldSBK Team) e quinto per il leader di Campionato Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati), entrambi su SC1 di sviluppo anteriore come Rea.

WorldSSP (asfalto: 31° C / aria: 19° C)

Superpole molto combattuta che ha avuto per protagonisti Dominique Aegerter (Ten Kate Racing Yamaha), Nicolò Bulega (Aruba.it Racing WorldSSP Team) e Glenn Van Straalen (EAB Racing Team) che si sono alternati al comando fino alla fine. Ad avere la meglio è stato lo svizzero della Yamaha che, con il tempo di 1’29.961 (a soli 36 millesimi dal record della pista realizzato da Kenan Sofuoglu nel 2015), ottiene la sua quarta pole consecutiva, la numero 100 per la casa di Iwata nel WorldSSP. L’italiano della Ducati e l’olandese della casa dei tre diapason completano la prima fila della griglia. Tutti i piloti hanno utilizzato pneumatici SCX al posteriore e SC1 all’anteriore.


PNEUMATICI IN AZIONE IN GARA 1

WorldSBK (asfalto: 46° C / aria: 24° C)

Scelta unanime dei piloti sul pneumatico posteriore da utilizzare in Gara 1: tutti hanno optato per la SCX. Più varia la scelta dell’anteriore, con Rea, Lowes, Redding e Bautista che hanno optato per la SC1 di sviluppo A0674, mentre Razgatlioglu e Rinaldi hanno preferito affidarsi alla SC1 di gamma. Ottima la partenza del Campione del Mondo in carica che dalla terza casella in griglia riesce a portarsi sùbito al comando e a mantenerlo indisturbato fino a fine gara, chiudendo con oltre sei secondi di vantaggio sulla Kawasaki di Rea, secondo, e di oltre nove su quella di Lowes, terzo. Il turco centra così il suo secondo successo stagionale dopo la Superpole Race vinta a Misano. Da sottolineare la bella battaglia tra Rea e Bautista per il secondo piazzamento, terminata al 16° giro per una caduta dello spagnolo alla curva 12.

WorldSSP (asfalto: 46° C / aria: 24° C)

Scelta pneumatici in linea con quella dei piloti WorldSBK anche quella dei piloti Supersport che all’unanimità hanno scelto la SCX posteriore e la SC1 anteriore, entrambe soluzioni di gamma. La distanza gara è stata prima ridotta a 18 giri e poi ulteriormente a 12. Per buona parte della gara Lorenzo Baldassarri (Evan Bros.WorldSSP Yamaha Team) è rimasto in testa riuscendo a respingere gli attacchi di Dominique Aegerter (Ten Kate Racing Yamaha) ma a tre giri dalla fine lo svizzero riesce a superare l’italiano per poi ottenere il suo ottavo successo stagionale. Terzo posto per Raffaele de Rosa (Orelac Racing Verdnatura WorldSSP).

GIORGIO BARBIER, DIRETTORE ATTIVITÀ SPORTIVE MOTO

“I ritmi sono stati molto elevati fin dalla prima sessione del venerdì e la conferma l’abbiamo avuta in Superpole, dove ben 4 piloti sono scesi sotto il record della pista, con Rea che è riuscito a migliorarlo di oltre mezzo secondo. Il tempo di gara poi è stato mediamente due secondi al giro più veloce rispetto a Gara 1 dello scorso anno. Con temperature dell’asfalto mai al di sotto dei 30 gradi e intorno ai 46 in gara, la SCX di gamma posteriore si è rivelata la mescola chiave sia per i piloti Superbike che per quelli Supersport mentre all’anteriore lo è stata la SC1, di gamma o di sviluppo. Se domani le temperature, come sembra, dovessero rimanere in linea con quelle registrate oggi, sarà interessante vedere se qualche pilota proverà ad utilizzare la SCQ posteriore nella Superpole Race”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trinacria Motors è il punto di riferimento sia per chi vuole avvicinarsi al mondo delle due ruote che per chi è già un motociclista veterano ed è partner delle più grandi aziende del settore sia a livello italiano che internazionale.

Trinacria Motors

Via Licata 11 92021 Aragona (AG)

Copyright © 2019. Trinacria Motors Soc. Sport. Dil. a.r.l. all Rights Reserved.

P.IVA 02828000840

social media